sliderAltaDiagnostica
Telecomandato Shimadzu

Sonialvision G4 di Shimadzu (Radiologia 3D)

SHIMADZU SONIALVISION G4 è un sistema digitale che pone particolare attenzione all’erogazione di una bassa dose di raggi x ed alla produzione di immagini diagnostiche di altissima qualità. La radiografia/fluoroscopia può essere eseguita adattando l’altezza, l’inclinatura, i movimenti laterali del lettino, quelli longitudinali dell’unità di visualizzazione immagini e la proiezione obliqua del fascio di raggi-X.

Shimadzu Postazione
Questa tecnologia può eseguire quattro modalità di fluoroscopia pulsata (fino a 30 fps), per la riduzione progressiva della dose di raggi al paziente. È dotata di un lettino senza cuciture che può essere alzato o abbassato in un range da 47 a 110 cm per aiutare il paziente a salire o scendere. Il tavolo offre la massima capacità di carico nella sua categoria fino a 318 kg in posizione orizzontale per ospitare facilmente anche pazienti obesi. Gli esami possono essere effettuati anche in posizione seduta. I pazienti in sedia a rotelle possono essere esaminati semplicemente estendendo la catena di acquisizione immagine a 1.5m SID.

Che cos’è la radiologia 3D

Radiologia 3D - Sonialvision G4, Shimadzu

La fluoroscopia con tomosintesi integrata è una esame radiologico che permette di ottenere immagini in tempo reale dell'anatomia interna di un paziente, attraverso l'uso di un fluoroscopio. Il fluoroscopio è collegato ad un intensificatore di immagine e ad una videocamera digitale che registra e riproduce su monitor le immagini ottenute.

La fluoroscopia fornisce così un gran numero immagini ed anche un vero e proprio filmato di organi o tessuti in movimento.

A questo esame si integra la tomosintesi computerizzata: una metodica diagnostica per immagini che sfrutta i raggi X consentendo di riprodurre sezioni o strati (tomografia) corporei per effettuare elaborazioni tridimensionali.

Il campo di applicazione

Dalle patologie dei tessuti molli a quelle dei tessuti duri

Il vasto campo di applicazione spazia dalle patologie dei tessuti molli a quelle dei tessuti duri: patologie polmonari, cardiache, patologie del cavo addominale, evidenziazione corpi estranei, malformazioni, esiti di traumi ecc., patologie osteo-articolari anche di tipo congenito (displasie). Le applicazioni possono essere:

Analisi dell'apparato digerente, clistere al bario e pasto baritato;

Chirurgia ortopedica per guidare interventi su fratture e l'inserimento di dispositivi metallici;

Angiografia di gamba, cuore e vasi cerebrali;

Chirurgia urologica;

Impianto di dispositivi per il controllo del ritmo cardiaco (es. pacemaker);

Valutazione della motilità diaframmatica e diagnosi di paralisi o disfunzione diaframmatica.

Shimadzu applicazione
Shimadzu Logo

La tecnologia in Italia

Sono pochissimi i centri diagnostici in Italia che hanno adottato questa tecnologia poiché l’investimento economico è davvero ingente. In Europa la radiologia 3D è già una realtà consolidata! Il sistema è altamente tecnologico ed innovativo perchè fornisce immagini di elevata qualità riducendo al minimo i livelli di dose di raggi. Inoltre grazie all’integrazione della tomosintesi è possibile approfondire in modo significativo le possibilità diagnostiche. Il sistema di imaging multistrato su tavolo RF permette di visualizzare dettagli che erano invisibili con la radiologia convenzionale. La rapidità di esecuzione dell’esame e la dose significativamente inferiore aprono nuovi approcci diagnostici e innegabili benefici al paziente a cui molte volte sono evitati successivi esami come la TAC.

I vantaggi

Le immagini sono ad alta definizione e possono essere ulteriormente elaborate attraverso la stratificazione (tomosintesi);

I risultati diagnostici sono in tempo reale ed evitano successivi approfondimenti tramite TAC;

La tecnologia usata permette una significativa riduzione della dose di raggi X;

Il fluroscopio con tomosintesi, grazie alla stratificazione, rileva dettagli che non possono essere assunti dalla radiologia tradizionale (fratture interne e protesi non integrate);

La rapidità di esecuzione dell’esame lo differenzia dalla radiologia convenzionale;

La gamma di movimenti effettuati può coprire tutto il corpo senza dover spostare il paziente;

I pazienti su barella, sedia a rotelle ed obesi possono eseguire comodamente gli esami.